Indirizzi di Studio

 INDIRIZZO “COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO”

PROFILO PROFESSIONALE IN USCITA

Il Perito in “Costruzioni, Ambiente e Territorio”:

 

  • ha competenze nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie delle costruzioni, nell'impiego degli strumenti di rilievo, nell'uso dei mezzi informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo, nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici esistenti nel territorio e nell’utilizzo ottimale delle risorse ambientali;
  • possiede capacità grafiche e progettuali in campo edilizio e capacità relative all’organizzazione del cantiere, alla gestione degli impianti, al rilievo topografico, alla stima di terreni e fabbricati e delle altre componenti del territorio, nonché dei diritti reali che li riguardano, all’amministrazione di immobili e allo svolgimento di operazioni catastali;
  • nei contesti produttivi d’interesse, esprime le proprie competenze nella progettazione, valutazione e realizzazione di organismi complessi mentre opera in autonomia nel caso di organismi di modesta entità;
  • opera autonomamente nella gestione, nella manutenzione e nell’esercizio di organismi edilizi e nella organizzazione di cantieri mobili; relativamente ai fabbricati interviene nei processi di conversione dell’energia e del loro controllo, è in grado di prevedere, nell’ambito dell’edilizia eco compatibile, le soluzioni opportune per il risparmio energetico nel rispetto delle normative sulla tutela dell’ambiente;
  • grazie alla formazione sistemica, sa spaziare fra le sue conoscenze, fino ad arrivare alla pianificazione ed alla organizzazione di tutte le misure opportune in materia di salvaguardia della salute e della sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro;
  • esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività aziendali, relaziona e documenta le attività svolte;
  • può iscriversi all’Albo Professionale dei Geometri, previo tirocinio presso uno studio tecnico ed Esame di Stato per il conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della libera professione.
  • può trovare impiego sia presso la Pubblica amministrazione sia presso gli enti privati, uffici tecnici comunali, provinciali, regionali, ministeriali, agenzia del territorio, genio civile, IACP, magistrato delle acque, consorzi di bonifica, uffici tecnici di enti, quali Telecom, Enel, F.S., aziende del gas, ente acquedotti, ente forestale, motorizzazione civile, banche, aziende per il rilievo fotografico e fotogrammetrico, ecc..
  • può svolgere attività come consulente tecnico estimatore nel campo economico finanziario, nelle agenzie immobiliari, nell’amministrazione condominiale, ma anche come consulente tecnico nelle rappresentanze di ditte specialistiche per l’edilizia o prodotti tecnici per la misurazione in genere; nella progettazione computerizzata (CAD), ecc.;
  • può proseguire gli studi presso qualsiasi facoltà universitaria;
  • può proseguire gli studi in corsi di specializzazione e/o di istruzione tecnica superiore.

Ma vediamo, nel dettaglio, quali materie e per quante ore (nel corso del primo, del secondo biennio e del quinto anno) uno studente dovrà seguire per diventare Perito in “Costruzioni, Ambiente e Territorio”.

Cominciamo con il sottolineare che il primo biennio è caratterizzato da insegnamenti generali comuni (660 ore per ogni anno) e da attività e insegnamenti obbligatori per l’indirizzo specifico (396 ore per ogni anno), grazie a cui gli studenti cominceranno ad acquisire saperi e competenze di indirizzo, soprattutto attraverso la pratica di laboratorio.

Il secondo biennio e il quinto anno, poi, costituiscono un complessivo triennio di indirizzo al mondo del lavoro e delle professioni. In questo triennio, a fronte di un minor numero di ore per gli insegnamenti generali (495), vi sarà un maggior numero di ore (561) d’insegnamenti caratterizzanti l’indirizzo. Il quinto anno si conclude con gli Esami di Stato.

ORE DI INSEGNAMENTO DEDICATE ALLE 2 AREE

 

L’orario settimanale sarà corrispondente a 32 ore di lezione.

AREA ISTRUZIONE GENERALE

AREA INDIRIZZO

PRIMO BIENNIO: 660 ore per ciascun anno

PRIMO BIENNIO: 396 ore per ciascun anno

SECONDO BIENNIO: 495 ore per ciascun anno

SECONDO BIENNIO: 561 ore per ciascun anno

QUINTO ANNO: 495 ore

QUINTO ANNO: 561 ore

 

 

QUADRO ORARIO DEL PRIMO BIENNIO

660 ore per ciascun anno (20 h x 33 sett.)

INSEGNAMENTI DELL’AREA GENERALE

 

DISCIPLINE COMUNI

agli indirizzi del Settore Tecnologico

I ANNO

II ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

Lingua inglese

3

3

Storia, Cittadinanza e Costituzione

2

2

Matematica

4

4

Diritto ed Economia

2

2

Scienze integrate

(Scienze della Terra e Biologia)

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

Religione cattolica o attività alternative

1

1

Totale ore

20

20

 

QUADRO ORARIO DEL PRIMO BIENNIO

396 ore per ciascun anno (12 h x 33 sett.)

INSEGNAMENTI DELL’AREA DI INDIRIZZO

 

DISCIPLINE DI INDIRIZZO

“Costruzioni, Ambiente e Territorio”

I ANNO

II ANNO

Scienze integrate: Fisica

3 (2+1di Laboratorio)

3 (2+1di Laboratorio)

Scienze integrate: Chimica

3 (2+1di Laboratorio)

3 (2+1di Laboratorio)

Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica

3 (2+1di Laboratorio)

3 (2+1di Laboratorio)

Tecnologie informatiche

3 (2+1di Laboratorio)

----

Scienze e tecnologie applicate

---

3 (2+1di Laboratorio)

Totale ore

12

12

Totale ore settimanali discipline comuni e di

indirizzo del primo biennio

32

(20+12)

32

(20+12)

 

QUADRO ORARIO DEL “SECONDO BIENNIO E DEL QUINTO ANNO”

495 ore per ciascun anno (15 h x 33 sett.)

INSEGNAMENTI DELL’AREA GENERALE

 

DISCIPLINE COMUNI

agli indirizzi del Settore Tecnologico

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

Lingua inglese

3

3

3

Storia, Cittadinanza e Costituzione

2

2

2

Matematica

3

3

3

Scienze motorie e sportive

2

2

2

Religione cattolica o attività alternative

1

1

1

Totale ore

15

15

15

 

QUADRO ORARIO DEL “SECONDO BIENNIO E DEL QUINTO ANNO”

561 ore per ciascun anno(17 h x 33 sett.)

INSEGNAMENTI DELL’AREA DI INDIRIZZO

 

DISCIPLINE DI INDIRIZZO

“Costruzioni, Ambiente e Territorio”

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Complementi di Matematica

1

1

---

Progettazione, Costruzioni e Impianti

7

6

7

Geopedologia, Economia ed Estimo

3

4

4

Topografia

4

4

4

Gestione del cantiere e sicurezza dell’ambiente di lavoro

2

2

2

Totale ore

17

17

17

Totale ore settimanali discipline comuni e di indirizzo del secondo biennio e del quinto anno

32

(17+15)

32

(17+15)

32

(17+15)

 

 

INDIRIZZO “GRAFICA E COMUNICAZIONE”

 

PROFILO PROFESSIONALE IN USCITA

 

L’indirizzo “Grafica e Comunicazione” integra competenze specifiche nel campo della comunicazione interpersonale e di massa, con particolare riferimento all’uso delle tecnologie per produrla e approfondisce i processi produttivi che caratterizzano il settore della grafica, dell’editoria, della stampa e i servizi ad esso collegati, nelle fasi dalla progettazione alla pianificazione dell’intero ciclo di lavorazione dei prodotti.

La strutturazione del percorso di studio nonché  finalità, conoscenze e abilità degli insegnamenti dell’area generale del primo biennio settore tecnologico è analoga all’indirizzo “Costruzioni, ambiente e Territorio”, così come lo è rispetto a tutti gli istituti tecnici tecnologici.

Il Perito in “Grafica e Comunicazione”:

 

  • ha competenze specifiche nel campo della comunicazione interpersonale e di massa, con particolare riferimento all’uso delle tecnologie per produrla;
  • interviene nei processi produttivi che caratterizzano il settore della grafica, dell’editoria, della stampa e i servizi ad esso collegati, curando la progettazione e la pianificazione dell’intero ciclo di lavorazione dei prodotti.

È in grado di:

  • intervenire in aree tecnologicamente avanzate e utilizzare materiali e supporti differenti in relazione ai contesti e ai servizi richiesti;
  • integrare conoscenze di informatica di base e dedicata, di strumenti hardware e software grafici e multimediali, di sistemi di comunicazione in rete, di sistemi audiovisivi, fotografici e di stampa;
  • intervenire nella progettazione e realizzazione di prodotti di carta e cartone;
  • utilizzare competenze tecniche e sistemistiche che, a seconda delle esigenze del mercato del lavoro e delle corrispondenti declinazioni, possono rivolgersi: o alla programmazione ed esecuzione delle operazioni di prestampa e alla gestione e organizzazione delle operazioni di stampa e post-stampa, o alla realizzazione di prodotti multimediali, o alla realizzazione fotografica e audiovisiva, o alla realizzazione e gestione di sistemi software di comunicazione in rete, o alla produzione di carta e di oggetti di carta e cartone (cartotecnica);
  • gestire progetti aziendali, rispettando le norme sulla sicurezza e sulla salvaguardia dell’ambiente;
  • descrivere e documentare il lavoro svolto, valutando i risultati conseguiti e redigere relazioni tecniche.

A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato in “Grafica e Comunicazione” consegue i risultati di seguito specificati in termini di competenze.

  1. Progettare e realizzare prodotti di comunicazione fruibili attraverso differenti canali, scegliendo strumenti e materiali in relazione ai contesti d’uso e alle tecniche di produzione.
  2. Utilizzare pacchetti informatici dedicati.
  3. Progettare e gestire la comunicazione grafica e multimediale attraverso l’uso di diversi supporti.
  4. Programmare ed eseguire le operazioni inerenti le diverse fasi dei processi produttivi.
  5. Realizzare i supporti cartacei necessari alle diverse forme di comunicazione.
  6. Realizzare prodotti multimediali.
  7. Progettare, realizzare e pubblicare contenuti per il web.
  8. Gestire progetti e processi secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza.
  9. Analizzare e monitorare le esigenze del mercato dei settori di riferimento.

 

QUADRO ORARIO DEL PRIMO BIENNIO

660 ore per ciascun anno (20 h x 33 sett.)

INSEGNAMENTI DELL’AREA GENERALE

 

DISCIPLINE COMUNI

agli indirizzi del Settore Tecnologico

I ANNO

II ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

Lingua inglese

3

3

Storia, Cittadinanza e Costituzione

2

2

Matematica

4

4

Diritto ed Economia

2

2

Scienze integrate

(Scienze della Terra e Biologia)

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

Religione cattolica o attività alternative

1

1

Totale ore

20

20

 

QUADRO ORARIO DEL PRIMO BIENNIO

396 ore per ciascun anno (12 h x 33 sett.)

INSEGNAMENTI DELL’AREA DI INDIRIZZO

 

DISCIPLINE DI INDIRIZZO

“Grafica e Comunicazione”

I ANNO

II ANNO

Scienze integrate: Fisica

3 (2+1di Laboratorio)

3 (2+1di Laboratorio)

Scienze integrate: Chimica

3 (2+1di Laboratorio)

3 (2+1di Laboratorio)

Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica

3 (2+1di Laboratorio)

3 (2+1di Laboratorio)

Tecnologie informatiche

3 (2+1di Laboratorio)

----

Scienze e tecnologie applicate

---

3 (2+1di Laboratorio)

Totale ore

12

12

Totale ore settimanali discipline comuni e di

indirizzo del primo biennio

32

(20+12)

32

(20+12)

  

QUADRO ORARIO DEL “SECONDO BIENNIO E DEL QUINTO ANNO”

495 ore per ciascun anno (15 h x 33 sett.)

INSEGNAMENTI DELL’AREA GENERALE

 

DISCIPLINE COMUNI

agli indirizzi del Settore Tecnologico

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

Lingua inglese

3

3

3

Storia, Cittadinanza e Costituzione

2

2

2

Matematica

3

3

3

Scienze motorie e sportive

2

2

2

Religione cattolica o attività alternative

1

1

1

Totale ore

15

15

15

 

QUADRO ORARIO DEL “SECONDO BIENNIO E DEL QUINTO ANNO”

561 ore per ciascun anno(17 h x 33 sett.)

INSEGNAMENTI DELL’AREA DI INDIRIZZO

 

DISCIPLINE DI INDIRIZZO

“Grafica e Comunicazione”

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Complementi di Matematica

1

1

---

Teoria della Comunicazione

2

3

---

Progettazione multimediale

4

3

4

Tecnologie dei processi di produzione

4

4

3

Organizzazione e gestione dei processi produttivi

---

---

4

Laboratori tecnici

6

6

6

Totale ore

17

17

17

Totale ore settimanali discipline comuni e di indirizzo del secondo biennio e del quinto anno

32

(17+15)

32

(17+15)

32

(17+15)

 

E non dimentichiamo i laboratori, le aule speciali, le palestre, tutti gli spazi che contribuiscono a fare di una lezione un momento in cui ogni studente è attore protagonista del proprio percorso formativo, ma anche di quello dei suoi compagni. Un consiglio prima di lasciarvi ad altre letture: date uno sguardo anche a questi spazi nella sezione “Laboratori”.